Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Amare correndo

CORRERE O TROMBARE?
Quando corri sei solo. Se si corre con qualcuno è inevitabile che si cerchi di correre più veloci dell’altro. Trombando no, si cerca sempre di raggiungere la meta….assieme. Pertanto, trombare “sviluppa il lavoro di gruppo e combatte l’egoismo”. Correre no!Per correre è necessario l’acquisto di molti indumenti, anche costosi. Per trombare è invece sufficiente togliere gli indumenti che si indossano. Come si può constatare, trombare “sviluppa il senso del risparmio e combatte il consumismo sfrenato”. Correre no!Per correre è necessario alzarsi dal letto.
Per trombare è tutto il contrario. Tutti sappiamo che nel letto si sta meglio che in qualsiasi altro posto.
Pertanto, trombare è un modo per “esercitarsi nel nostro posto migliore”. Correre no.Correre esige un grande sforzo, in cambio di poco piacere. Trombare dà invece un enorme piacere e lo sforzo è minimo. Così scopriamo che trombando “otteniamo il massimo col minimo sforzo”, una regola fondamentale che non viene conseguita correndo.Dopo la corsa normalmente ci si ritrova di malumore, a causa della stanchezza, e fanno male le ginocchia. Al contrario, dopo una trombata ci si ritrova con un sorriso da orecchio a orecchio. E’ chiaro che trombando “scopriamo l’allegria del vivere”. Correndo no.
Se ti chiamano per correre, in genere trovi scuse per non andarci. Ora, siamo sinceri! dovesse trattarsi di trombare… eh? A qualsiasi ora esci di corsa.
E’ chiaro: trombare “aumenta il senso della puntualità”. Correre, invece, no.La morale è chiara…
NELLA VITA HAI SBAGLIATO TUTTO! STAI CORRENDO TROPPO.
copiato da una mail.
Hanna

Annunci

Read Full Post »

L’ottimista

L’OTTIMISTA Leandro è il tipo di persona che ti fa piacere odiare perché è sempre di buon umore ed ha sempre qualcosa di positivo da dire. Quando qualcuno gli chiede come và, lui risponde:
“Se andasse meglio di così, sarei due persone!” E’ un’ottimista

Se un suo amico ha un giorno nero, Leandro riesce sempre a fargli vedere il lato positivo della situazione.
Vederlo mi incuriosiva e così un giorno gli chiesi:
“io non capisco, non è possibile essere ottimista ogni giorno, come fai?”
Mi rispose. “ogni giorno mi sveglio e mi dico, oggi avrò due possibilità. Posso scegliere di essere di buon umore o posso scegliere di essere di cattivo umore. E scelgo di essere di buon umore. Quando qualcosa di brutto mi accade, io posso scegliere di essere una vittima o d’imparare da ciò. Ed io scelgo d’imparare.
Ogni volta che qualcuno viene da me a lamentarsi per qualcosa, io posso scegliere di accettare le lamentele, o posso scegliere di aiutarlo a vedere il lato positivo della vita.Ed io scelgo il lato positivo della vita.”

“Ma non è sempre cos’ facile” gli dissi. “Si lo è” disse Leandro “La vita è tutta una questione di scelte. Quando tagli via tutto ciò che non conta, e tutta una questione di scelte. Sta a te scegliere come reagire alle situazioni, sta a te decidere come lasciare che gli altri influenzino il tuo umore. Tu scegli se essere di buon umore o di cattivo umore. Alla fine sei tu a decidere come vivere la tua vita”

Dopo quella conversazione ci perdemmo di vista, ma spesso mi ritrovai a pensare alle sue parole, quando dovevo fare una scelta nella mia vita, invece di reagire negativamente agli eventi.

In seguito venni a sapere che Leandro aveva avuto un brutto incidente, era caduto da 18 metri di altezza, e dopo 12 ore di sala operatoria fù rilasciato dall’ospedale con una piastra d’acciaio nella schiena. Sono andato a trovarlo e gli ho chiesto come si sentisse:
“Se stessi meglio sarei due persone” rispose “vuoi vedere le mie cicatrici?”
“Ma come fai?” gli chiesi “ad essere così positivo dopo quello che ti è successo?”

“Mentre stavo cadendo, la prima cosa a cui ho pensato sono stati i miei figli. Poi mentre giacevo per terra, mi sono detto che potevo scegliere di vivere o di morire. Ed ho scelto di vivere”

“Ma non hai mai avuto paura?”

“Sì quando mi hanno portato in ospedale ed ho visto l’espressione sul viso dei medici, ho avuto paura, perchè era come se guardassero ad un uomo morto. Poi l’infermiera mi ha chiesto se avessi allergie, ed io risposi…Sì. Tutti mi guardarono ed io urlai: sono allergico alla… gravità!. Tutti scoppiarono a ridere, ed io dissi: ed ora operatemi da uomo vivo, non come se fossi già morto”

Leandro mi ha insegnato che ogni giorno abbiamo la possibilità di scegliere di vivere la vita.. Quindi è inutile preoccuparsi sempre per il domani, perchè ogni giorno ha i suoi problemi su cui scegliere di vivere, e domani penseremo ai problemi di domani. Dopo tutto oggi è il domani ti cui ti preoccupavi ieri.

hanna

Read Full Post »

Padova, 6 marzo 2008 – Una incredibile vicenda scuote Campodarsego, piccolo centro del Padovano: al sindaco del paese Paola Candiotto è arrivata la notizia che alcuni ragazzini delle scuole medie, nel corso dell’anno passato, avevano avviato un proficuo traffico fatto di favori sessuali in cambio di ricariche per telefoni cellulari.La notizia era nell’aria, ma solo adesso è arrivata sul tavolo del primo cittadino, che si è detta allibita ma ha subito avviato delle contromisure per rimettere a posto la situazione. Secondo quanto riferito da “Il Mattino di Padova”, ragazzini tra i 10 e i 14 anni convincevano le loro coetanee a prestarsi per fugaci incontri sessuali che avvenivano nelle ultime file di sedili dello scuolabus.

Niente di grave, a quanto sembra, solo palpeggiamenti e poco altro, in cambio di ricariche telefoniche di 10, al massimo 15 euro. Tutti consenzienti, tutti d’accordo, ma la faccenda è arrivata alle orecchie degli adulti e fino al sindaco, che ora ha deciso di munire i 300 circa ragazzini delle medie del paese di una tesserina con le proprie generalità e di destinare a ogni alunno a un posto fisso nello scuolabus, per evitare promiscuità imbarazzanti.

Avvertite anche le famiglie. Più che il fatto in sè, resta ora la sorpresa per una vicenda che si ha difficoltà a chiarire con gli stessi interessati.

lda Quotidiano net

Read Full Post »

Nuovo award ricevuto da Max roominmyheart-1trinity15-2-08.jpg
dedicato ad hanna
Grazie Max

Read Full Post »

Cosmopolita

Cosmopolita chi considera sua patria il mondo e nutre interessi per le usanze e le idee dei luoghi più diversi. Questo per la definizione del termine.
Il tag del “Cosmopolitan” mi è arrivato da Joy
e Norm
Grazie ragazze!
pratticamente le regole dicono di farsi la foto in copertina di “Cosmopolitan”.
Bene, questa è la mia.

…ma visto che c’ero, mi sono fatta anche il “National Geographic” con la “Reserve S.Valentino”

Poi ho visto troppi “francobolli” in arrivo, cercherò di copiarli tutti con tanto di link-back, e i ringraziamenti dovuti. Così si scambiano i link cosmopolitani.
aNgRiAni!, grazie tantissime per questo premio!


And this beautiful award from Ricka autor of lovellegen blog’s.

Read Full Post »

 Ho sperimenteto questo sistema che rende benissimo. Ci fa ritornare favoriti tutti i blog che ci hanno favorito in precedenza. Tutti in un botto! Poi ho visto salire il rank. Sarà che il Technorati favorisce proprio ripagare bene con il bene…Ottimo

Provate questo sistema.

Click here to download the small program (I’ve checked it for viruses, etc) and then do the following: 1. First download the File, 2. Unzip the zip file, 3. Execute the program, 4. Double click on technoratiff.exe in the directory where it was unzipped, 5. Enter your Technorati username and password, 6. Press Run


hanna

Read Full Post »